storia

La storia di Strandgaarden Badehotel

Lo Strandgaarden Badehotel di Læsø ha una storia lunga ed eccitante. Qui cercheremo di darti una piccola impressione degli eventi più importanti nel corso degli anni.
Nei libri della chiesa della chiesa di Vesterø Søndre, il nome della località Louskobach appare regolarmente già nel XVII e XVIII secolo. Louskobach era un "luogo" o una fattoria, che si trovava esattamente dove si trova oggi l'Hotel Strandgaarden, e il posto si trova sulle vecchie mappe di Læsø. Louskobach significa tradotto in Nudan Løvskovbakke, e si può immaginare che ci fosse una foresta decidua sulla collina dell'Hotel-Strandgaarden. Le famiglie che vivevano sul posto erano indicate dal parroco come proprietari terrieri e pescatori, il che sembra probabile.

Non sappiamo chi abbia eretto Strandgaarden nel 1727, ma con la benevola assistenza dell'Archivio di storia locale di Læsø, crediamo che il primo proprietario sia stato Niels Erlandsen, che ha dovuto lasciare la fattoria all'asta forzata nel 1775. La fattoria fu acquistata da Anders Melkorsen per questo formidabile somma di 68 dollari ricchi e 4 marchi!
Nel 1784 Ingeborg Andersdatter Bach ottenne un privilegio sulla proprietà (le fu donata la proprietà da suo padre, Anders Melkorsen), e nel 1798 la proprietà di Ivar Nielsen, ma Ingeborg ottenne nuovamente la fattoria nel 1800 con un'asta all'asta (probabilmente c'è stata un'asta forzata), solo in parte, tuttavia, quando Karen Estrup ricevette un "corso di 12 piani" alla fine di quell'anno. Poul Andersen acquistò la proprietà nel 1816 e una Karen Johanne Thommesen "ricevette un atto di cui sopra" (qualunque anno), ma Poul Poulsen Winther ottenne un atto nella fattoria nel 1820. Un Ingeborg Andersdatter (forse lo stesso di cui sopra) ottenne l'accesso a "The place" (anno sconosciuto) sull'attestazione del suo certificato di matrimonio di Niels Chr. Møller, e nel 1856, Ane Andersdatter Poulsdatter fu fucilato nel cortile, mentre a Jens Christian Olsen fu concesso il consenso dei genitori da un certificato del prete come conferma del suo matrimonio con Ane.

Nel 1908, il direttore delle poste Marinus Petersen acquistò la proprietà, ma la vendette di nuovo nel 1917 ad Anthon Robert Wiis, che rivendette la fattoria a Herman Axelsen intorno al 1920. Axelsen operò dal 1926 o poco prima il luogo come pensione, e nell'opera "Dove dovrei vivere? questa estate? " dalla directory scandinava (Casa editrice della libreria Otto Grøn), la pensione balneare "Strandgaarden" è menzionata in modo abbastanza breve e intelligente come segue:
”Strandgaarden, Vesterø Harbour, Læsø pr. Frederikshavn. Herm. Axelsen. Statstelf. 35 °
“Camere con pensione da 5 kr. per. Giorno. Belle camere. Buona dieta potente. "
Non è del tutto chiaro quando Axelsen cessò di gestire una pensione, ma Strandgaarden fu almeno acquistata nel 1947 da Oda Mortensen e suo marito, che era l'ingegnere meccanico del traghetto Læsø. Inizialmente, Oda ha mantenuto la sua professione originale di tessitore e ha fornito mobili e tessuti per tende a Illum, Magasin e altri grandi negozi. Oda aveva deciso che in nessun caso avrebbe ripreso l'attività di Strandgaarden come pensione estiva. Invece, ha accidentalmente avuto l'idea di iniziare una produzione di tacchino nella soffitta di Strandgarden e alla fine in tutte le piccole stanze! Sfortunatamente, si è scoperto che la produzione di tacchino era disastrosamente non redditizia, le camere erano ora riparate e nel 1962 Oda perse il marito, il suo primo marito che aveva perso 25 anni prima. La pensione cominciò ad iniziare dopo la chiusura della sala di tessitura: prima una famiglia di 3 persone ha insistito per rimanere lì, la prossima volta che sono arrivati ​​10, e poi gli eventi sono decollati! In inverno, quando la pensione era chiusa, i soldi dovevano essere fatti in altri modi, e questo fu fatto installando una piccola lavanderia con alcune lavatrici e un rotolo.

Poiché alla fine Oda gestì sia l'imbarco estivo che la biancheria per tutto l'anno, la biancheria fu abbandonata dopo un paio d'anni e Oda invece prese un lavoro invernale come hostess su una delle grandi barche dell'EAC, tra cui a lungo raggio ai Caraibi. Si trasformò in 6-7 viaggi e Oda ora si concentrò sul funzionamento di una pensione a Strandgaarden. Aveva un personale locale buono e affidabile ed era lei stessa una specie di mago in cucina. Oda non ha posto grandi richieste di conforto per se stesso; almeno durante la stagione estiva viveva in una piccola aragosta nell'attico sopra l'ala attuale con i vecchi salotti. Solo una "scala di pollo". che esiste oggi, portato lassù, e la "porta" è così bassa. che molte persone devono strisciare a carponi per entrare!
Nel corso degli anni, Oda e il suo imbarco estivo sono diventati una leggenda, ma ha anche sacrificato un'incredibile energia per il benessere degli ospiti. Gli ospiti che hanno vissuto o mangiato a Strandgaarden ai tempi di Oda lo ricordano ancora con piacere. Oda guidò Strandgaarden fino alla sua morte nel 1993, oltre 80 anni!
Era finita un'epoca, ma due figli, uno dei quali è oggi l'ingegnere capo del traghetto Læsø, tentarono di gestire l'attività per alcuni anni, ma la abbandonarono e vendettero l'attività e Strandgaarden intorno al 1995-96. Tuttavia, quell'avventura è durata solo circa Tre anni dopo che Strandgaarden fu messo in vendita nel 3 in una costituzione leggermente miserabile.
Ole Lind e Karin Østrup, che si erano innamorati di Læsø con qualche tempo di anticipo e avevano una casa per le vacanze a Vesterø, sentirono parlare di Strandgaarden, che era stato messo in vendita, e sebbene fosse chiaro che era necessario investire sia energia che capitale un posto dove sarebbero venuti gli ospiti, ci siamo sbarazzati dei nostri buoni lavori ben pagati come consulente di vendita presso PBS e assicuratore a Danica rispettivamente e abbiamo iniziato con il leasing di Strandgaarden per due anni.
È andato così bene che hanno deciso di acquistare Strandgaarden. Così hanno iniziato il contratto di locazione nel 2000 e sono diventati proprietari nel 2002. Il tempo fino al 2007 è stato caratterizzato da progressi costanti e durante questo periodo l'hotel è stato ampliato alle dimensioni attuali. Nel 2008, la coppia ha divorziato e Ole Lind ha collaborato con Allan Poulsen, lo chef dell'anno in Danimarca in quel momento, così come il suo partner Casper Gustafsen. Il 2008 è stato l'anno con recensioni di cibo a 5 stelle su tutti i principali media danesi, ma sfortunatamente anche l'anno con un grande deficit. La società è fallita nel 2008.
Durante l'inverno del 2009, Ole Lind è riuscita a impilare una nuova società in piedi e ad aprire Strandgaarden come al solito. Il 2009 è andato bene nonostante la crisi finanziaria e nel 2010 un anno da record è stato ravvivato da una prestigiosa vittoria del direttore della cucina di Strandgaarden, Rasmus Klitgaard, al Virgin Hummer Festival.
Fin dall'inizio, sono stato consapevole che non dovremmo cercare di emulare lo stile di Oda - gestiamo il nostro concetto personale, che tuttavia assomiglia a quello di Oda, che siamo orgogliosi di prenderci cura personalmente dei nostri ospiti e garantire il loro benessere. , non da ultimo in termini di prelibatezze per il palato e la gola. Sentiamo che Oda ci sorride dal suo paradiso, anche se ci sono sicuramente molte cose che avrebbe fatto diversamente!